Mimmo Paladino

(1948 in Paduli, Italia)

Mimmo Paladino è considerato uno dei più importanti rappresentanti della Transavanguardia, movimento che nasce nel 1980 grazie a Achille Bonito Oliva e che propone un ritorno alla pittura, dopo che questa sembrava essere stata soppiantata da altre correnti concettuali. Questo movimento trova le sue basi nell’espressionismo storico e nel Neo-espressionismo diffusosi in Germania negli anni Settanta. Paladino realizza opere sia nel campo della pittura che della scultura e della grafica. Le immagini rimandano ad un universo primitivo e le forme sono semplificate in eleganti segni che sembrano dar via a una sorta d’alfabeto da decifrare. Tra i suoi primi dipinti vi è Cordoba (1984). Paladino ha esposto i suoi lavori alla Biennale di Venezia del 1980, in un’esibizione dedicata alla Transavanguardia. Lo stesso anno, tiene due mostre a New York. Recentemente, Paladino si è aggiudicato una certa notorietà grazie alle sue pubbliche installazioni. Tra queste ricordiamo The Salt Mountain (2010), composta da un cumolo di sale sparso sul terreno, con sculture raffiguranti cavalli posizionati ai lati. Paladino ha anche prodotto diverse opere d’arte sonore e visive in collaborazione con Brian Eno, di cui il primo lavoro fu esposto al Roundhouse di Londra nel 1999. Paladino ha esposto i suoi lavori in molteplici spazi in tutto il mondo tra cui, l’Hirshhorn Museum, lo Sculpture Garden in Washigton D.C, e la Tate Modern a Londra. Al momento, Paladino vive a Roma.