LONDON

41&43 Maddox Street

W1S 2PD London

United Kingdom

+44 20 74 93 6009

LUNEDÌ - VENERDÌ

10:00 - 18:00

 

SABATO

12:00 - 18:00

MILANO

Corso di Porta Nuova 46/B

20121 Milano

Italy

+39 02 36 75 65 39

LUNEDÌ - VENERDÌ

10:00 - 18:30

LUGANO

Via Nassa 62

6900 Lugano

Switzerland

+41 91 92 14 000

LUNEDÌ - VENERDÌ

10:00 - 18:00

SABATO

12:00 - 18:00

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • Artsy-logo-mask
  • artnetlogo_wix_edited
  • kooneswix

© 2017 Cortesi Gallery

Otto Piene

(1928 Bad Laasphe – 2014 Berlino, Germania)

Otto Piene è un artista cinetico tedesco e co-fondatore del gruppo avanguardistico ZERO. Pioniere della media art, Piene lavora con luce e mozione per produrre opere ipnotiche. Al centro della sua opera si colloca il desiderio di studiare processi tecnologici e di sfruttarli per creare un senso di movimento. “La luce è il mio materiale,” dice Piene. 

 

Nato nel 1928 a Bad Laasphe, Germania studia all’Accademia di Belle Arti a Monaco e più tardi, durante i tardi anni Cinquanta, al Kunstakademie di Düsseldorf dove incontra Heinz Mack e insieme fondano il gruppo ZERO. Piene continua la sua carriera diventando il primo membro del MIT Centre of Advanced Visual Studies (CAVS) nel 1968, che gli consente di lavorare utilizzando tecniche sofisticate e collaborazioni scientifiche. A seguire, Piene diventa il direttore del CAVS, ruolo che occupa dal 1974 al 1993. 

 

Durante la sua carriera, Piene collabora con numerosi artisti, scienziati e ingegneri. Molte delle sue installazioni pubbliche richiedono varie collaborazioni dovute alla loro grandezza fisica. Per esempio, la sua installazione, Canterbeam (1977), coinvolge ventidue artisti e un gruppo di scienziati ed ingegneri, alcuni internazionali. 

 

Piene muore nel 2014 di infarto in un taxi mentre va all’apertura del suo evento Sky Art al Neue Nationalgalerie di Berlino in Germania.  

 

Oggi, i suoi lavori si possono trovare all’interno delle maggiori collezioni internazionali  tra cui The Museum of Mdoern Art a New York, il Walker Art a Minneapolis, il National Museum of Modern Art a Tokyo, lo Stedelijk Museum ad Amsterdam, e il Centre George Pompidou a Parigi.