LONDON

41&43 Maddox Street

W1S 2PD London

United Kingdom

+44 20 74 93 6009

LUNEDÌ - VENERDÌ

10:00 - 18:00

 

SABATO

12:00 - 18:00

MILANO

Corso di Porta Nuova 46/B

20121 Milano

Italy

+39 02 36 75 65 39

LUNEDÌ - VENERDÌ

10:00 - 18:30

LUGANO

Via Nassa 62

6900 Lugano

Switzerland

+41 91 92 14 000

LUNEDÌ - VENERDÌ

10:00 - 18:00

SABATO

12:00 - 18:00

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • Artsy-logo-mask
  • artnetlogo_wix_edited
  • kooneswix

© 2017 Cortesi Gallery

Lucio Fontana

(1899 in Rosario, Argentina – 1968 in Combacio, Varese, Italy)

Lucio Fontana nasce a Rosario di Santa Fé, Argentina, nel 1899; tra il 1905 e il 1922 si trasferisce a Milano dove trascorre i primi anni della gioventù per poi tornare in Argentina dove lavora come scultore nello studio di suo padre prima di aprire il suo. 

Nel 1926, partecipa alla prima mostra Nexus, gruppo di giovani artisti argentini locali. Dopo questa prima esperienza espositiva, Fontana torna a Milano, dove si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Brera, che frequenta per due anni. Un paio di anni dopo, nel 1931, tiene la sua prima personale alla Galleria Il Milione di Milano. Durante questo periodo entra a far parte del gruppo di scultori astratti italiani associati alla galleria e compie un importante viaggio a Parigi, dopo il quale a partire dal 1935 entra a far parte del gruppo Abstraction – Création. Lo stesso anno, si dedica alla ceramica, approfondendo lo studio presso Albissola in Italia e Sevres in Francia. Nel 1939 entra a far parte di Corrente, gruppo milanese di artisti espressionisti. 

Dopo quattro anni, trascorsi a Buenos Aires, nel 1947 torna a Milano e insieme a un gruppo di scrittori e filosofi, firma il Primo Manifesto dello Spazialismo. Queste nuove idee trovano la sua espressione inziale nelle sue opere in ceramica che diventano presto i primi Concetti Spaziali.

Il 1949 segna la svolta nella carriera artistica di Fontana. È in questo periodo che elabora e realizza la sua prima serie di dipinti forati, Buchi (holes). Oltre a questi dipinti, in questi anni porta avanti la ricerca sui suoi ambienti spaziali, una combinazione di sculture informi, dipinti fluorescenti e luci. 

Da questo momento in poi il lavoro artistico di Fontana si focalizza sulla sperimentazione di questi studi spaziali con opere di vario genere, dai tagli alle performance, tanto in pittura quanto in scultura. 

 

Lucio Fontana muore a Comabbio nel 1968. 

 

La sua prima grande retrospettiva interinazione viene organizzata a Solomon R. Guggenheim Museum nel 1977. Le mostre successive comprendono il Centre Georges Pompidou, Parigi; Kunsthalle Frankfurt, 1996; Museo Nazionale Cantro de Arte Reina Sofía, Madrid (1998); Hayward Gallery, Londra (1999); e Collezione Peggy Guggenheim, Venezia e Solomon R. Guggenheim Museum, New York (2006-2007).